Fb Top

08.09.2015

Viva la grappa!

La Nuova Nata della Cult Collection della Montegrappa rende omaggio ad una Specialità locale

Aggiungendosi alla Cult Collection di Montegrappa, la penna Grappa si aspira al rinomato distillato “grappa” – un eccellenza italiana che oggi giorno vanta estimatori in tutto il mondo. Questo eccezionale strumento da scrittura è, inoltre, un omaggio a Bassano del Grappa – città natale di Montegrappa nonché culla dei maggiori produttori di questo raffinato liquore.

La spiccata personalità della grappa è caratterizzata dal tipo e dalla qualità delle uve utilizzate, così come dal processo di distillazione o dalla “ricetta segreta”. Come prova dell’ascesa della grappa al rango di liquore chic, molti dei migliori produttori di vino italiani ora imbottigliano le proprie grappe, compresi i “Super Toscani” Sassicaia e Tignanello. Non ci può essere più alto riconoscimento.

Per assaporare appieno questo distillato, bisogna conoscerne le quattro tipologie nella quale viene offerta: giovane, barricata, aromatica ed aromatizzata. Le degustazioni di grappa iniziano con le giovani, per poi proseguire con le barricate e le aromatiche e finire con le aromatizzate. In modo del tutto impensabile fino a poco tempo fa, la grappa è divenuta un soggetto tanto complesso quanto lo è il vino. Le degustazioni sono, infatti,

elaborate ed intense come quelle dei migliori vini, e la nascente cultura degli appassionati della grappa garantisce che manterrà sempre il suo alto status da poco acquisito. Cincin!
Le Penne Grappa

Sia le storiche tradizioni della distillazione della grappa che l’estetica degli alambicchi hanno ispirato e influenzato il design dell’ultima aggiunta alla Cult Collection della Montegrappa. I materiali utilizzati nella produzione delle penne ricordano i vasi di distillazione e comprendono acciaio inossidabile, ottone e rame per il cappuccio ed il fusto, impiegati allo stesso modo in cui lo sono nella costruzione delle reali attrezzature.

I tecnici della Montegrappa hanno utilizzato tecniche di martellatura a mano sui componenti in rame, mentre piccole viti – sia funzionali che ornamentali – ricordano all’utente l’ispirazione tecnologica del prodotto. La stessa clip da taschino riprende il tema della produzione della grappa ed è sagomata in modo da richiamare il tubo di rame utilizzato nel processo di distillazione.

Dettagli raffinati ornano entrambe le estremità di questo pregiato strumento di scrittura. Nella parte superiore del cappuccio si trova un disco di vero sughero come quello usato nei tappi delle bottiglie di grappa, inserito sotto una griglia intagliata con il tipico motivo ottagonale della Montegrappa. Infine, il pennino in oro 18k a due tonalità è impreziosito dall’incisione di un grappolo d’uva sui tralci.

La Penna Grappa della Cult Collection è fornita come penna stilografica, sia a cartuccia che a converter, e come penna rollerball. La produzione è limitata a 1912 esemplari sia per la penna stilografica che per la penna rollerball. Il numero scelto ricorda l’anno di fondazione della società Montegrappa. Sul fondello della Penna Grappa è riportato il numero dell’edizione limitata.

Abbracciando lo spirito della grappa e le sue proprietà corroboranti, le Penne Grappa sono offerte in una confezione speciale del tutto simile alla presentazione di una vera bottiglia di distillato. La penna è custodita in una bottiglia di vetro soffiato con una grande base a globo, realizzata da artigiani locali, con lo stemma della Montegrappa in finitura metallica.